La Juventus ha perdonato Paulo Dybala

L'argentino non verrà multato dopo la "fuga" dalla panchina nel finale della partita contro il Parma.

Sei gol subiti in tre giorni rappresentano una rarità per la Juventus, non spiegabile solo con le tante assenze in difesa nelle partite contro Atalanta in Coppa Italia e Parma.

La squadra di Allegri sta rifiatando dopo una prima parte di campionato a ritmi da record, eppure bastano due risultati deludenti perché il malumore tra la tifoseria inizi a serpeggiare.

Così i fischi dopo il 3-3 contro la squadra di D’Aversa si uniscono a qualche malumore interno. Il più evidente è quello manifestato da Paulo Dybala, che è corso negli spogliatoi prima della fine della partita una volta capito che Allegri non lo avrebbe mandato in campo, avendo effettuato le tre sostituzioni.

Un comportamento “non da Juve”, cui però il club ha deciso di non rispondere con una multa. Dybala “graziato”, quindi, ma destinato a ricevere una reprimenda dallo stesso allenatore e dal presidente Agnelli alla ripresa degli allenamenti.

ARTICOLI CORRELATI:

Verona-Pescara senza gol: si decide tutto all'Adriatico
Verona-Pescara senza gol: si decide tutto all'Adriatico
Ranieri:
Ranieri: "Champions? Ci proviamo ancora"
Oddo:
Oddo: "Trasmettere i valori del vecchio Milan non è semplice"
Filippo Galli tra passato e presente
Filippo Galli tra passato e presente
E' nato 120Milan,  la voce dei diavoli rossoneri
E' nato 120Milan, la voce dei diavoli rossoneri
Cagliari, si ferma Pavoletti
Cagliari, si ferma Pavoletti
Addio a Moretti, i tifosi fanno una richiesta alla società
Addio a Moretti, i tifosi fanno una richiesta alla società
Castro su Maran:
Castro su Maran: "E' il mio padre calcistico"
Torino, Moretti annuncia il ritiro
Torino, Moretti annuncia il ritiro
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta