Jacobone: "Incomprensibile il silenzio del Milan"

Il leader dei "Non Evoluti" ha commentato il controverso spostamento di Juventus-Atalanta.

jacobone

Il leader del movimento "Milanisti non Evoluti" nonché noto opinionista a tinte rossonere, Alessandro Jacobone, con Sportal.it ha parlato della polemica esplosa nel mondo Milan per lo spostamento alla sera della partita di domenica 19 maggio tra Juventus e Atalanta.

Lo spostamento a domenica sera del match tra bianconeri e bergamaschi sta provocando tante proteste da parte dei tifosi rossoneri.

"Premesso che la squadra domani a Firenze debba fare il suo lavoro e conquistare i tre punti necessari per non perdere contatto con la quarta posizione, trovo assurdo che si disponga di questo campionato ad uso e consumo di una squadra sola. Lo spostamento chiesto dalla Juventus e approvato dalle istituzioni calcistiche, non ha motivazioni che possano essere anteposte alla regolarità del campionato. I bianconeri sono campioni d'Italia ma il torneo è ancora in corso e l'obiettivo qualificazione alla Champions ancora raggiungibile da diverse squadre. Approccio discutibile al derby di Torino; quattro giorni di riposo pre gara contro la Roma e adesso questo rinvio, seppur nel loro diritto, minano alla regolarità dei risultati. Ricordo quando gli arbitri aspettavano l'ok dagli altri campi prima di iniziare la gara, e il telefono era ancora con i fili e non esistevano gli smartphone". 

Perché il Milan non prende una posizione ufficiale?

"Non capisco il continuo silenzio della società rossonera. Non è caduta di stile difendere il proprio team, se a navigar nello stesso mare, ci sono società ben attente ad avvisare i naviganti, anche solo per portar pressione pre gare importanti. Ad usar troppa educazione, in Italia si passa per stupidi e per deboli. Questo si evidenzia sul campo ad ogni partita dove, che si giochi a San Siro o in trasferta, il Milan non incute "soggezione psicologica", tanto meno rispetto da parte della terna arbitrale". 

Cosa pensi di Elliott e del suo approccio al calcio italiano?

"Elliott ha garantito al Milan solidità finanziaria e una dirigenza di prima classe. Dio solo sa quanto vivano meglio i milanisti senza aver l'ansia di un mancato bonifico dalla Cina. Ma il calcio è un asset che coinvolge aspetti che in altri settori non vengono neppure considerati. Il tifoso non è solo un cliente libero di comprare o meno il prodotto che l'azienda produce. Il tifoso c'era, c'è  e ci sarà anche nei prossimi secoli. Bisogna che la proprietà consideri tutto questo e difenda, oltre al suo investimento, anche tutto quello che il mondo Milan porta con sé, tifosi inclusi".


ARTICOLI CORRELATI:

Lazio, abbonamenti a gonfie vele
Lazio, abbonamenti a gonfie vele
Ronaldo respira: archiviato il caso Mayorga
Ronaldo respira: archiviato il caso Mayorga
Torino, gli eventuali avversari al terzo preliminare
Torino, gli eventuali avversari al terzo preliminare
È nata la Coppa Italia 2019-2020
È nata la Coppa Italia 2019-2020
Cairo:
Cairo: "Ecco perché ho detto no al Foggia"
Birsa vuole riprendersi il Cagliari
Birsa vuole riprendersi il Cagliari
Pepe Reina promuove Giampaolo e fissa l'obiettivo
Pepe Reina promuove Giampaolo e fissa l'obiettivo
Il Perugia va sull'ottovolante
Il Perugia va sull'ottovolante
La Lazio vince, Caicedo battibecca
La Lazio vince, Caicedo battibecca
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman