Il Verona beffa il Vicenza: colpo Romulo al 95'

Derby show al Bentegodi dove l'Hellas si impone per 3-2.

Romulo

Derby show al Bentegodi dove l’Hellas batte il Vicenza per 3 a 2 in un incandescente recupero davanti a 20.848 spettatori di cui 1781 tifosi biancorossi. Cinque reti, emozioni a non finire e tre punti per la squadra di Pecchia che sale a 69 punti, consolidando il secondo posto e mantenendo il punto di vantaggio sul Frosinone, che in serata ha vinto a Salerno. Il Vicenza resta fermo a 41 punti in zona play out.

La sequenza delle reti: nel primo tempo dapprima gran diagonale dei gialloblù Siligardi, quindi la splendida parabola firmata da Bellomo per il pareggio berico; nella ripresa il gran stacco di Esposito sorprende tutti, quindi Bessa e la sua staffilata capolavoro per il 2 a 2 ed il definitivo 3 a 2 di Romulo nel recupero.

Tensione ad un’ora dall’inizio della gara quando il pullman del Verona è stato colpito da alcuni sassi che hanno provocato fortunatamente solo un gran spavento per la squadra ed i dirigenti sull’automezzo. Tensione al triplice fischio sia in campo tra le due squadre che tra le due tifoserie. Prossimo turno: Virtus Entella-Verona, Vicenza-Ternana.

Primo tempo. Verona col freno a mano tirato in avvio, il Vicenza si procura un angolo, la sfera crea una mischia in area scaligera senza che nessun biancorosso riesca a concludere. Sull’altro fronte cavalcata di Romulo sulla destra e centro, nessuno è pronto alla deviazione. Siligardi ci prova da fuori, l’estremo Vigorito non si fa sorprendere. Partita tesa, in questo primo scorcio di tempo, ne risente lo spettacolo. Ancora Siligardi al 16’: semina come birilli tre avversari, calciando a colpo sicuro, Gucher sembra toccare sopra la traversa ma l’arbitro è di diverso avviso, non concedendo l’angolo. 20’: Siligardi ci prova per la terza volta, stavolta taglia il campo da destra a sinistra: guadagna il limite e con un diagonale sul palo lontano, insacca l’1 a 0 facendo impazzire la tifoseria gialloblù. Immediata la reazione vicentina: punizione di Bellomo dalla sinistra, Nicolas esce con i pugni ma è ostacolato fallosamente, l’arbitro ferma tutto e concede una punizione all’Hellas. Da questo momento non succede più nulla fino al 33’ quando Bellomo, ben pescato al limite, seppur decentrato sulla sinistra, pennella una parabola imparabile per Nicolas che nulla può per l’1 a 1 del Vicenza e la gioia incontenibile dei suoi sostenitori. Ci si aspetta la reazione gialloblù che non arriva, per contro i berici continuano ordinatamente. 43’: incursione centrale di Bessa, rasoterra che si stampa sul palo, si avventa Pazzini insaccando il 2 a 1, annullato dall’arbitro per fuorigioco dello stesso attaccante. Due minuti di recupero, Luppi da ottima posizione calcia debolmente, favorendo l’intervento della retroguardia vicentina. Quindi intervento errato dell’estremo Vigorito, Romulo non riesce a ribadire nella porta vuota.

Secondo tempo. Inizio nel segno del Vicenza. Punizione dalla trequarti di Bellomo che centra per Giacomelli, pronta l’uscita di Nicolas a protezione della sua porta. 7’: risponde Bessa, Vigorito neutralizza a terra. A differenza del primo tempo, l’inizio di ripresa registra continui ribaltamenti di fronte. Il solito Siligardi batte da centro area, la retroguardia vicentina si salva in angolo, da cui nulla scaturisce. 14’: Valoti sostituisce Luppi mentre i berici battono un angolo che Esposito insacca di testa per l’2 a 1 del Vicenza, facendo scoppiare nuovamente di gioia la tifoseria biancorossa. I ragazzi di Torrente non si accontentano e mettono nuovamente in difficoltà i gialloblù, buon per l’Hellas che Caracciolo sbroglia in extremis. Il Verona, stordito, lascia spazio alle offensive beriche. Nel Vicenza esce Orlando per Siega. Ci prova Siligardi, palla a lato. Altro cambio nel Vicenza: dentro Rizzo per Bellomo. Dalla mezzora, trascinato da Bessa e Siligardi, l’Hellas schiaccia progressivamente gli avversari nella propria area anche se questi ultimi sono pericolosissimi in contropiede. 30’: gran conclusione di Bessa, Vigorato miracoloso in angolo. Doppio cambio un minuto più tardi: dentro Ganz per Bruno Zuculini nel Verona, Ebagua per De Luca nel Vicenza. 40’: show da una parte e dall’altra, prima Ebagua salta anche Nicolas ma Souprayen salva la porta dell’Hellas; palla sull’altro fronte a Siligardi che da posizione decentrata calcia a lato di un niente. Ancora Vicenza vicino alla rete come sull’altro fronte Bessa e Pazzini che nella stessa azione costringono Vigorato a due interventi prodigiosi. 43’: Bessa dal limite lascia partire un bolide che s’infila a fil di palo per il 2 a 2. Cinque minuti di recupero. Ganz si “mangia” il tris gialloblù, calciando alle stelle. Al quarto minuto di recupero ennesimo pallone nell’area biancorossa, Romulo calcia al volo, insaccando il definitivo 3 a 2. Triplice fischio ed in campo scoppia il parapiglia tra le due squadre.

 


ARTICOLI CORRELATI:

Il Monaco corteggia Caceres
Il Monaco corteggia Caceres
De Rossi, esordio e vittoria alla Bombonera
De Rossi, esordio e vittoria alla Bombonera
Liverani:
Liverani: "Lapadula ha voglia di stupire"
D'Angelo:
D'Angelo: "Dobbiamo imparare a soffrire"
Coppa Italia, tutti i risultati
Coppa Italia, tutti i risultati
Monza, Cristian Brocchi spiega l'impresa mancata
Monza, Cristian Brocchi spiega l'impresa mancata
Vlahovic ribalta il Monza e salva la Fiorentina
Vlahovic ribalta il Monza e salva la Fiorentina
Parma, definita la numerazione ufficiale
Parma, definita la numerazione ufficiale
Lukaku si è già preso l'Inter
Lukaku si è già preso l'Inter
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman