Il Parma cala il poker a Ravenna

A una settimana dalla festa per la promozione in Lega Pro ottenuta con largo anticipo, il Parma sbanca anche Ravenna, ottenendo la vittoria numero 26 della propria stagione. Apolloni ha puntato sulla formazione titolare, eccetto Baraye lasciato in panchina, per mandare alla squadra il chiaro messaggio di non abbassare la tensione.
 
Missione compiuta, complice la pochezza tecnica di un Ravenna parso molto volenteroso, ma infinitamente inferiore sul piano tecnico. Partita condizionata dalla forte pioggia che ha allentato il campo, ma il Parma fa finta di nulla, dominando fin dall’avvio: all’11’ la sblocca Melandri, ravennate doc, pronto a chiudere in rete con il destro dopo una bella combinazione tra Mazzocchi e Musetti, con tacco di quest’ultimo.
 
L’attaccante napoletano diventerà poi il protagonista della seconda parte della ripresa, dopo che la reazione del Ravenna aveva prodotto solo un destro a giro di Battiloro deviato in angolo da Zommers. Mazzocchi fa doppietta tra il 16’ e il 18’, prima con un sinistro da fuori area e poi con un destro facile facile dall’interno dell’area.
 
A questo punto il Parma stacca la spina come all’andata, e rischia: un pallonetto di Guagneli e una scivolata di Ballardini riaprono i giochi proprio al 90’, ma 1’ dopo Lauria li richiude perfezionando un’azione di contropiede con assist di Agrifogli. Ora sono 14 i punti di vantaggio sull'Altovicentino, crollato contro l'Arzignano. Domenica prossima ultima al Tardini contro il disperato Bellaria prima della poule scudetto.
 
Il tabellino
Ravenna-Parma 2-4
Marcatori: 11' Melandri; 61’, 63' Mazzocchi; 76' Guagneli; 91' Ballardini; 92' Lauria
Ravena (4-3-3): Iglio; Regno, Mandorlini, Antoniacci, Leonardo; Guagneli, Righini (dall'82' Petrascu), Ballardini; Radoi (dal 73' Ambrogetti), Innocenti, Battiloro (dal 67' Atzori). (Magnani, Caidi, Del Mastio, Derjai, Magri, De Vecchis). All.: A. Mosconi.
Parma (4-2-3-1): Zommers; Benassi, Cacioli, Lucarelli, Agrifogli; Corapi, Miglietta; Mazzocchi (62' Rodriguez), Melandri (72' Lauria), Ricci; Musetti (66' Guazzo). (Fall, Adorni, Messina, Simonetti, Sereni, Baraye). All.: L. Apolloni.
Arbitro: Madonia (Palermo)
Ammonito: Righini

Classifica: Parma 88; Altovicentino 74; Forlì 68; San Marino 65; Ribelle 60; Correggese 58; Imolese, Delta Rovigo 57; Lentigione 56; Sammaurese 49; Legnago 48; UnionArzignanoChiampo 47; Virtus Castelfranco 42; Romagna Centro 41; Ravenna 40; Mezzolara 34; Villafranca Vr 30; Clodiense 27; Bellaria 26; Fortis Juventus 13


ARTICOLI CORRELATI:

La Pro Sesto non si pone limiti
La Pro Sesto non si pone limiti
Empoli, Roberto Muzzi è il nuovo allenatore
Empoli, Roberto Muzzi è il nuovo allenatore
Giulini rivela i retroscena del super Cagliari
Giulini rivela i retroscena del super Cagliari
Morace:
Morace: "Il ritiro lo deve decidere solo l'allenatore"
Barone non molla Montella
Barone non molla Montella
Liverani aspetta già il Cagliari
Liverani aspetta già il Cagliari
Nazionale, torna a casa un altro azzurro
Nazionale, torna a casa un altro azzurro
Spinge a terra allenatore avversario: stangato
Spinge a terra allenatore avversario: stangato
Arsene Wenger cambia professione
Arsene Wenger cambia professione
 
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon
Le bellissime di Eicma 2019: Francesca Campione
Bellissime a Eicma 2019: Kate Fretti
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Dones
Le bellissime di Eicma 2019: Ilaria Prazzoli
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Semeraro
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Chiolerio
Le bellissime di Eicma 2019: Giada Bagnoli
Le bellissime di Eicma 2019: Federica Zucchieri
Le bellissime di Eicma 2019: Martina Bassi