I numeri dicono Roma

E’ della Roma il maggiore indice di pericolosità arrecato alle retroguardie avversarie.

E’ della Roma il maggiore indice di pericolosità arrecato alle retroguardie avversarie. Al termine del mese di settembre la compagine guidata da Garcia detiene il primato di marcature (13 per una media di 2.2. reti a partita) a fronte di 94 conclusioni, 51 delle quali in porta e 43 fuori lo specchio della porta avversaria. In totale i giallorossi hanno collezionato 143 attacchi offensivi, 26 dei quali vedono in Salah il principale artefice: per l’attaccante egiziano 13 tiri, 9 occasioni da goal, 3 reti e 2 assist.
 
La Roma primeggia anche in fase di costruzione del gioco: detiene a pari merito con la Juventus la classifica assist (21 in totale, 4 dei quali vincenti) ed è seconda soltanto al Palermo per il maggior numero di cross effettuati (64, rispetto ai 66 dei rosanero), a fronte di una media possesso palla per partita pari a 30’ 24’’. Perno del gioco risulta essere Pjanic: il bosniaco si contraddistingue sia in fase di impostazione (3 assist, tra i suoi compagni di squadra dietro soltanto a Nainggolan con 5) sia in fase offensiva (16 attacchi, 13 tiri, 9 occasioni da goal, 2 reti). Se da un lato il palleggio risulta essere un punto di forza per la squadra di Garcia lo stesso non si può dire per la corsa: i giallorossi finora hanno percorso 600,805 km (media di 100,134 km per partita, 15esimo dato stagionale) contro i 693,086 km del Chievo Verona che detiene il primato della massima serie, seguito da Lazio (650,392 km percorsi) e Napoli (646,944 km percorsi).
 
Lo rileva il Report n. 12/2015 elaborato da Osservatorio Calcio Italiano.
 
Nelle prime sei uscite stagionali per il reparto offensivo in evidenza Eder, Higuain e Kalinic. L’attaccante doriano detiene il primato di marcature (6, media di una rete a partita) a fronte di 25 sortite d’attacco, 15 conclusioni a rete, 10 occasioni da goal e 2 assist. Ottimo anche il rendimento dell’attaccante argentino del Napoli (26 attacchi, 20 tiri, 17 occasioni da goal, 5 reti e due assist) e del viola Kalinic (4 reti a fronte di 9 tiri e 9 occasioni da goal). Top assist men in questo avvio di stagione è la coppia costituita dal genoano Ntcham e dallo juventino Pereyra (8 assist per ciascuno). A seguire Insigne (7) e l’atalantino Moralez (6). E’ il clivense Castro il giocatore ad aver effettuato il maggior numero di recuperi sugli avversari (25), seguito dal granata Vives(24) e dal centrocampista neroverde del Sassuolo Magnanelli (22).

ARTICOLI CORRELATI:

AlbinoLeffe: tocca a Zaffaroni
AlbinoLeffe: tocca a Zaffaroni
Monza premia Adriano Galliani
Monza premia Adriano Galliani
Milan, ex giocatore attacca:
Milan, ex giocatore attacca: "Un disastro"
Inter e Milan confermano:
Inter e Milan confermano: "Il Meazza va demolito"
Cristiano Ronaldo-Michael Jordan, incontro leggendario
Cristiano Ronaldo-Michael Jordan, incontro leggendario
Fonseca a Roma:
Fonseca a Roma: "Felice e motivato"
Coppa D'Africa, sorridono Senegal e Algeria
Coppa D'Africa, sorridono Senegal e Algeria
La Francia elimina il Brasile, Inghilterra ok ma Camerun furioso
La Francia elimina il Brasile, Inghilterra ok ma Camerun furioso
La Colombia vince ancora, Lautaro Martinez rianima l'Argentina
La Colombia vince ancora, Lautaro Martinez rianima l'Argentina
 
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia