Crisi Inter, Marotta rassicura Spalletti

Il dg nerazzurro alleggerisce la pressione sul tecnico toscano dopo gli ultimi risultati negativi.

Luciano Spalletti può dormire sonni tranquilli. Questo, almeno, è il pensiero di Giuseppe Marotta, che ha fatto il punto sullo stato della crisi in cui è caduta l’Inter dall’inizio del 2019.

Intervistato da 'Sky Sport', il direttore generale nerazzurro ha blindato la posizione del tecnico toscano, a prescindere dall’esito della partita contro il Parma di sabato prossimo al ‘Tardini’:  “Al termine della partita contro il Bologna c'è stato un normale confronto che avviene al termine di ogni partita, che si vinca o si perda. Sfida col Parma decisiva per Spalletti? No, conosciamo il momento dell'Inter, ma la posizione dell’allenatore è molto solida. Mancano 16 partite al termine del campionato, ci sono tantissimi punti ancora a disposizione. Siamo al terzo posto, in un momento di difficoltà ma sappiamo che possiamo contare su un allenatore e un gruppo di calciatori capaci, oltre che su un grande pubblico. Non è da mettere sotto esame o in discussione il suo lavoro, è un bravo allenatore che sta guidando una squadra terza in classifica in un momento difficile. Con lui ho un ottimo rapporto, molto diretto. Nei miei ultimi 22 anni da dirigente in Serie A non ho mai esonerato nessun allenatore e qua non ci sono le condizioni. Sono mesi e mesi che non lo sento".

Marotta ha poi parlato di due dei giocatori più chiacchierati del momento per il loro rendimento deludente, Mauro Icardi e Radja Nainggolan: "La trattativa per il rinnovo non deve condizionare le prestazioni di Icardi - ha detto Marotta - Di rinnovi nella sua carriera ne discuterà ancora tanti perché è molto giovane, queste sono dinamiche normali nel corso della stagione. L'aspetto contrattuale è gestito da sua moglie, lui stia tranquillo e pensi a giocare. Io sono contrario alle clausole rescissorie, se non c'è armonia tra giocatore e società alla fine va via comunque. Ora c'è la clausola, ma c'è un buon rapporto tra il giocatore e il club".

Su Nainggolan: "Ha avuto delle difficoltà di inserimento accompagnate da prestazioni non consone a quelle a cui ci ha abituato, ma sono convinto che parliamo di un professionista che può e deve dare di più, ne è consapevole anche lui e so che con Spalletti stanno facendo un lavoro particolare. Non è in forma splendida, ma la sua professionalità deve emergere e quando lo farà ci darà prestazioni di grande carattere".

 

ARTICOLI CORRELATI:

Lazio schiantata, il Torino chiude in gloria
Lazio schiantata, il Torino chiude in gloria
I tifosi del Torino omaggiano Moretti
I tifosi del Torino omaggiano Moretti
Totti, omaggio a De Rossi:
Totti, omaggio a De Rossi: "Un amico e un fratello"
Chi andrà in Champions: tutte le possibili combinazioni
Chi andrà in Champions: tutte le possibili combinazioni
Barcellona e Messi abbattuti: Copa del Rey al Valencia
Barcellona e Messi abbattuti: Copa del Rey al Valencia
Pazzesco Cittadella: 3-0 a Benevento, è finale per la A
Pazzesco Cittadella: 3-0 a Benevento, è finale per la A
Risorge Santander, il Bologna sgambetta il Napoli
Risorge Santander, il Bologna sgambetta il Napoli
Saputo:
Saputo: "Mihajlovic ha ridato gloria al Bologna"
Frosinone-Chievo, arrivederci alla A senza gol
Frosinone-Chievo, arrivederci alla A senza gol
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta