Castori: “Cesena è casa mia”

Il nuovo tecnico dei romagnoli presentato alla stampa: "Credo nella salvezza".

Castori

Salvezza o futuro incerto. Il Cesena si aggrappa al proprio totem per evitare una retrocessione che potrebbe avere conseguenze molto preoccupanti a livello societario.

Esonerato Andrea Camplone dopo il tracollo di Vercelli, il club bianconero, ultimo in classifica, si è affidato alle cure del tecnico marchigiano, idolo del "Manuzzi" per le stagioni trascorse sulla panchina del Cesena tra il 2003 e il 2008, con all'attivo una promozione in B e una semifinale playoff.

“Sono felicissimo di essere qui, ho sempre considerato Cesena una piazza importante, nonostante abbia girato tante squadre l'ho vista come punto di riferimento" ha detto in conferenza stampa l’ex allenatore del Carpi, club lasciato dopo la finale playoff persa contro il Benevento lo scorso giugno.

Fiducia assoluta, quindi, per rinvigorire un ambiente depresso, magari già dalle prossime partite, contro lo Spezia e lo stesso Carpi:

"Perché sono tornato? Stimo il Presidente e il Direttore, adoro questa città, ma soprattutto credo in questa squadra: insieme al mio staff abbiamo valutato le caratteristiche dei giocatori e abbiamo capito che possono rispecchiare i nostri concetti di calcio. Eesistono dei problemi, ma non sono affatto spaventato di questo, bensì sono convinto che con la voglia, l'entusiasmo e soprattutto la fame si possa superare qualsiasi ostacolo". 
 

ARTICOLI CORRELATI:

Corrado:
Corrado: "E' giusto provarci"
A Crotone c'è fiducia per la A
A Crotone c'è fiducia per la A
D'Aversa mette i puntini sulle 'i'
D'Aversa mette i puntini sulle 'i'
Galano, il Parma vuole chiudere
Galano, il Parma vuole chiudere
Il Chievo va al contrattacco
Il Chievo va al contrattacco
Napoli, scoppia la grana San Paolo
Napoli, scoppia la grana San Paolo
 
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi
Allyson Joy
Chiara Biasi
Francesca Sofia Novello
Sofya Zhuk
Karolina Bojar
Celeste Bright
Devin Brugman