Caso Pro Piacenza, la Lega Pro specifica

Il presidente Ghirelli ha commentato la sconfitta-farsa degli emiliani a Cuneo: "Spettacolo indecoroso, ma dobbiamo attenerci alle regole esistenti".

porta di calcio

Non potevano mancare le voci dei vertici della Lega Pro dopo gli incredibili fatti di Cuneo, dove i piemontesi hanno battuto 20-0 il Pro Piacenza, sceso in campo con appena sette giocatori, tutti Under 18, per evitare la quarta rinuncia che avrebbe portato all'esclusione dal torneo.

Dopo la dura presa di posizione del presidente federale Gravina ("Insulto allo sport, sarà l'ultima farsa"), ex numero uno della stessa Lega Pro, il suo erede Francesco Ghirelli ha usato toni non meno perentori parlando all'Ansa: "Oggi hanno violato le norme della lealtà sportiva in modo inverecondo".

Ghirelli ha però tenuto anche a specificare come la Lega Pro non abbia responsabilità per l'accaduto: "Domani deciderà il giudice sportivo, ma noi siamo obbligati a rispettare le regole che esistono".
 


ARTICOLI CORRELATI:

Petriccione:
Petriccione: "Il Lecce non si snaturerà"
Roberto D'Aversa sprona il Parma
Roberto D'Aversa sprona il Parma
L'Inter retrocede Icardi: ecco il nuovo numero di maglia
L'Inter retrocede Icardi: ecco il nuovo numero di maglia
Spal, Petagna suona la carica
Spal, Petagna suona la carica
Gigi Simoni, la moglie:
Gigi Simoni, la moglie: "Sta lottando"
Roma, Fonseca:
Roma, Fonseca: "Trofeo in due-tre anni"
Riecco Maxi Lopez: giocherà nel Crotone
Riecco Maxi Lopez: giocherà nel Crotone
Antenucci:
Antenucci: "In C soltanto a Bari"
Pisa-Benevento: le probabili formazioni
Pisa-Benevento: le probabili formazioni
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman