Caos a Palermo, giocatori senza stipendio in rivolta

Dura nota della squadra: "Illusa una intera città".

palermo

Grande tensione a Palermo dopo la mancata iscrizione al campionato di Serie B: la nuova proprietà assicura che ci siano ancora i presupposti per partecipare al torneo, a differenza della Lega che sembra chiudere a ogni chance per i rosanero.

Intanto parte la rivolta dei giocatori, che non hanno ricevuto gli ultimi stipendi. "Da oggi noi giocatori useremo ogni sede opportuna per tutelarci e per ricevere ciò che è nel nostro diritto, pronti a combattere per portare avanti anche una battaglia etica per cui tutte le persone che entrano nel mondo del calcio, non possano più permettersi di giocare con le vite di tante famiglie - è la nota della squadra all'Ansa -. Faremo in modo che Arkus network e i soggetti ad essa legati non possano più in futuro avere la possibilità di far rivivere ciò che stiamo passando noi ad altre persone, che siano essi sportivi, vacanzieri o persone comuni". 

"A seguito degli eventi incresciosi e non edificanti posti in essere dalla proprietà e dai dirigenti del Palermo Calcio negli ultimi giorni durante i quali si è illuso un'intera città, ferendo una splendida tifoseria e la passione che hanno i palermitani per la squadra della loro città, noi calciatori del Palermo vogliamo dimostrare la nostra vicinanza nei confronti di tutti i dipendenti che hanno dato l'anima per la propria squadra e che da oggi si ritrovano senza un lavoro. Dipendenti amministrativi, magazzinieri, giardinieri ed ogni persona che ha permesso al Palermo calcio di esistere". 

"Nella giornata di oggi nemmeno a noi giocatori è stato riconosciuto il diritto al lavoro, il pagamento dei nostri stipendi è saltato e i bonifici mai arrivati; il tutto corredato da conferenze stampa dove sono stati esibiti documenti che poi non hanno trovato riscontro nei fatti e durante le quali chi ha messo in piedi questa situazione ha perso definitivamente la propria credibilità. Due mesi di promesse mai mantenute e di obiettivi programmatici mai raggiunti". 

Così il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. "Siamo tutti vittime incolpevoli di una condizione surreale. Paradossalmente la grande attrattività di questa città è diventata anche attrattività per streghe, avventurieri, imprenditori dal volto coperto. Quando, anche se spero che non accada mai, la Federcalcio certificherà la fine di questa società predisporrò un bando per verificare potenzialità e interessi concreti di chi vorrà fare calcio a Palermo. Mi hanno contattato Mirri, Ferrero e ho avuto sms da ogni parte del mondo. A tutti ho risposto allo stesso modo. Vorrei che finisca il tempo di streghe, sceicchi e finti imprenditori". 


ARTICOLI CORRELATI:

L'Atalanta demolisce il Monza
L'Atalanta demolisce il Monza
Anelka:
Anelka: "Mi vergogno del mio trasferimento alla Juve"
Mazzarri evoca lo spirito del Torino
Mazzarri evoca lo spirito del Torino
Lazio, tre recuperano in vista della Samp
Lazio, tre recuperano in vista della Samp
Serie B, ecco le tre favorite per i bookmaker
Serie B, ecco le tre favorite per i bookmaker
Boniek non crede alla crisi di Piatek
Boniek non crede alla crisi di Piatek
Ronaldo esalta la Juve:
Ronaldo esalta la Juve: "Presente eccellente"
Torino-Wolverhampton, polemica sull'arbitro
Torino-Wolverhampton, polemica sull'arbitro
Il Parma benedice il calendario
Il Parma benedice il calendario
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman