Buffon: "Milan e Inter cinesi? Una sconfitta"

Il portierone della Juve a tutto campo in un'intervista al Corriere della Sera.

Gianluigi Buffon si confessa in un'intervista al Corriere della Sera. Criticato per i due errori clamorosi con l'Italia e la Juve, il portierone si è riscattato sfoderando una prestazione da urlo in Champions League: "L'errore è qualcosa che mi provoca uno choc: non sono abituato, capita e faccio fatica ad accettarlo. Sono molto autocritico, continuo a darmi scudisciate psicologiche e morali per tanti giorni: da me non accetto certi errori. A costo di essere masochista, le critiche mi piacciono e mi stimolano. Se non le accettassi, dovrei smettere di lavorare. Mi stizzisco quando toccano certi argomenti: ho 22 anni di carriera alle spalle, penso di aver dimostrato qualcosa. E l'ultima stagione buona non l'ho fatta tre anni fa: sono stato protagonista dell'Europeo, dentro e fuori dal campo. Per cui stiamo un po' calmi. Io gioco per dimostrare di essere diverso dagli altri: a 38 anni posso fare delle cose che gli altri non hanno mai fatto".

Loading...

Il futuro: "Il calcio è il mio mondo da 32 anni. E ho avuto la fortuna di viverlo come un tarlo dal di dentro, ricavandone le mie verità. Il campo è la parte più bella, ti regala emozioni che danno senso alla vita. Un ruolo di allenatore con la sua quotidianità non mi piacerebbe. Un ruolo da c.t. invece non lo escluderei a priori: mi rimarrebbero le emozioni del campo, ma anche un po' di libertà per dedicarmi ad altre cose".

La Juve sta dominando incontrastata in Italia: "Qui c'è il gioco di non prendersi responsabilità, di dire che il favorito è l’altro, per il budget, il fatturato, eccetera: lo trovo ridicolo. Sulla carta la Juve è la più forte ed è un dato di fatto. Sul campo sta vincendo, che è una cosa diversa: secondo me la Juve deve migliorare, perché se abbiamo velleità europee non ci può bastare quello che stiamo facendo ed esprimendo in campo adesso".

La questione Intralot: "Se porta soldi alla Federcalcio eticamente non è bellissimo, ma è da 20 anni che le pubblicità di scommesse sono ovunque: tutti giocano e tutti prendono le distanze. Siamo ipocriti e bigotti". 

Inter e Milan in mano ai cinesi: "Inter e Milan in mano ai cinesi è la sconfitta del calcio italiano. Dell'Italia come Paese, delle tradizioni, di tutto: devi ritrovarti a ringraziarli e a dire grazie per essere venuti. Ma abbiamo ciò che meritiamo, siamo volubili, senza un senso di appartenenza radicato e la storia lo ha sempre dimostrato: chiediamo l'identità italiana, ma se l'italiano dopo 30 anni vive un momento di difficoltà con 5 anni da 10° posto, allora non lo accettiamo".

ARTICOLI CORRELATI:

Milan, faccia a faccia tra Gattuso e la dirigenza
Milan, faccia a faccia tra Gattuso e la dirigenza
Le probabili formazioni di Atalanta-Fiorentina
Le probabili formazioni di Atalanta-Fiorentina
Milan-Lazio, il Pagelloide rossonero
Milan-Lazio, il Pagelloide rossonero
Inzaghi:
Inzaghi: "Finale strameritata"
Prodezza di Vitali, Brescia esulta allo scadere
Prodezza di Vitali, Brescia esulta allo scadere
Lazio in finale, il Milan sprofonda
Lazio in finale, il Milan sprofonda
Il Monza vince il primo round: Viterbese rimontata
Il Monza vince il primo round: Viterbese rimontata
Torino, scontro totale tra Urbano Cairo e Petrachi
Torino, scontro totale tra Urbano Cairo e Petrachi
Torino, scontro totale tra Cairo e Petrachi
Torino, scontro totale tra Cairo e Petrachi
 
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer