Amato Ciciretti racconta la grande paura

L'attaccante dell'Ascoli torna sui drammatici momenti che sarebbero potuti costare la vita a Manuel Scavone.

ciciretti

Insieme hanno condiviso pochi mesi, ma felicissimi, coronati dalla festa di La Spezia quando, anche ad un gol dello stesso Amato Ciciretti, il Parma conquistò la promozione in Serie A, terzo salto di categoria consecutivo, evento mai successo nel calcio italiano.

Quel giorno né l’attaccante romano né Manuel Scavone avrebbero potuto immaginare quanto sarebbe successo poco dopo e che uno sarebbe entrato nella vita dell’altro in maniera decisiva.

Proprio Ciciretti, infatti, passato all’Ascoli, ha salvato la vita a Scavone, nel frattempo ceduto al Lecce, dopo il brutto scontro aereo tra il centrocampista e il bianconero Beretta.

Ciciretti e il capitano del Lecce Mancosu hanno compiuto il primo soccorso a Scavone, fondamentale in attesa dell’arrivo dell’ambulanza: "Subito dopo il contrasto aereo fra Beretta e Scavone non mi sono reso conto di quanto stava accadendo - ha detto l'ex Benevento - Stavo andando sul pallone, quando ho visto Scavone con gli occhi girati indietro. La prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella dargli due schiaffi per farlo riprendere, ma niente. Gli ho aperto subito la bocca, la mandibola era serrata e quando ci sono riuscito, mi ha dato due morsi”. 

“Ho provato a riaprirgli la bocca, tenendo indietro i denti e contemporaneamente Mancosu gli estraeva la lingua - prosegue il racconto - Sono rimasto molto colpito, ancor più perché con Scavone avevo giocato l'anno scorso a Parma, lo conosco. Gli ho mandato un messaggio di pronta guarigione". 

Secondo Ciciretti il rinvio della partita è stato inevitabile: “Giocare con un compagno in condizioni così e, soprattutto senza sapere come si sarebbero evolute le cose, non era facile. Mi sono spaventato perché, con gli episodi accaduti negli ultimi anni, è impossibile non pensare a fatti simili. L'importante è che sia finito tutto per il meglio".


ARTICOLI CORRELATI:

Caso Palermo, Tacopina all'attacco
Caso Palermo, Tacopina all'attacco
Ufficiale, Petrachi ds della Roma
Ufficiale, Petrachi ds della Roma
Ganz è il nuovo allenatore del Milan femminile
Ganz è il nuovo allenatore del Milan femminile
Catania, spunta il nome di Carrera
Catania, spunta il nome di Carrera
Italia Under 21, Di Biagio si è dimesso
Italia Under 21, Di Biagio si è dimesso
Palermo, caos per l'iscrizione in B:
Palermo, caos per l'iscrizione in B: "Bonifici fatti"
Bertolini alle Azzurre:
Bertolini alle Azzurre: "Regalatemi i quarti"
Mondiali femminili: USA e Svezia volano ai quarti
Mondiali femminili: USA e Svezia volano ai quarti
Francia e Romania non si fanno male, Italia eliminata
Francia e Romania non si fanno male, Italia eliminata
 
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia