Aggressioni ad Ascoli, si muove il Vescovo

"Condanna senz'appello" si legge in una lettera di Giovanni D'Ercole dopo l'agguato ai due giovani giocatori della rosa bianconera.

Tifosi Ascoli, ultras Ascoli, curva Ascoli

Il disastroso rendimento dell’Ascoli, raggiunto sabato scorso dalla Ternana all’ultimo posto della classifica di Serie B dopo la sconfitta di Venezia, ha fatto perdere la testa ai tifosi bianconeri, che al ritorno dalla trasferta in Veneto hanno aggredito due giovani componenti della rosa di Serse Cosmi, il difensore Samuele Parlati e il terzo portiere Vincenzo Venditti, minacciando di riservare lo stesso trattamento ad altri giocatori se la classifica non migliorerà.

Immediate sono state le reazioni del mondo del calcio, alla quale si è associata quella del vescovo di Ascoli, Giovanni D’Ercole, che ha condannato fermamente l’accaduto: "Da parte di tutti credo sia necessaria una condanna senz'appello e un invito alla calma – ha scritto il vescovo in una lettera indirizzata a dirigenti e atleti dell'Ascoli -. Con questo messaggio, desidero manifestare la più sentita vicinanza a Samuele e Vincenzo, come a tutti voi, cari amici dell'Ascoli Picchio". 

"Se si gioisce quando si vince, bisogna imparare anche a soffrire insieme quando si perde senza mai perdere la serenità".

TI POTREBBERO INTERESSARE:

 
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi
Allyson Joy
Chiara Biasi
Francesca Sofia Novello
Sofya Zhuk
Karolina Bojar
Celeste Bright
Devin Brugman