Varese vince il derby-spettacolo

Punteggio alto e pioggia di triple, ad arrendersi è Cantù (89-85).

 
Una vittoria pesantissima. L’Openjobmetis Varese si aggiudica un grande derby sul campo della Red October Cantù per 89-85 e si rilancia in chiave playoff.

Il Monday Night di Serie A è il festival delle triple: ben 29 segnate tra le due squadre (16/42 Cantù, 13/27 Varese), con i varesini che vincono la terza partita consecutiva conquistando anche un 2-0 negli scontri diretti che potrebbe valere tantissimo per il prosieguo della stagione. MVP varesino, indubbiamente, un sontuoso Cain da 13 punti (incluso il canestro del definitivo vantaggio) e ben 18 rimbalzi, di cui 9 offensivi. Doppia doppia anche per Okoye (13+12), il top scorer per Varese è Wells (19).

A Cantù non bastano i 18 di Smith, bene anche Burns e Thomas(13+7 il primo, 12+7 il secondo); troppo ondivago Culpepper (14 con 4/11 dal campo, limitato anche da un paio di infortuni).
Parte forte Varese, già avanti 10-2 dopo 2’. Cantù reagisce, ma la squadra di Caja è ispiratissima e chiude un super primo quarto sul +8 dopo essere stata un paio di volte anche avanti di 13. Gli ospiti tornano sulla doppia cifra di vantaggio in apertura di secondo parziale, ma un super parziale di 16-2 da parte di Cantù ribalta completamente l’incontro dando il primo vantaggio alla Red October dopo il primo minuto di gioco. Varese può risponde colpo su colpo, riprendendo le redini dell’incontro con un nuovo break di 10-0 e chiudendo avanti di 5 il primo tempo (51-56).

Nel terzo quarto si sveglia Culpepper, che propizia il sorpasso poi firmato da Chappell. Varese però risponde, e la tripla di Tambone vale il nuovo +5. C’é anche uno spavento per Cantù, perché lo stesso Culpepper cade male a terra dopo un infortunio causato da un contatto fortuito con Okoye; i brianzoli accusano il colpo e finiscono a -12. Il top-scorer di Cantù però rientra, prima di farsi nuovamente male a un dito ed essere costretto ad uscire nuovamente. Si va all’ultima pausa con Varese in controllo, avanti di 9. 

Lentamente, e di cuore, Cantù torna a -1 quando restano 4’ sul cronometro della partita, e servono una tripla di Wells e il canestro di Ferrero a interrompere l’inerzia canturina. Cournooh tiene i brianzoli a -3, e Smith firma la tripla del pari a 85 a poco più di due minuti dal termine.  Parrillo sbaglia dall’angolo la tripla del vantaggio, anche Tambone sbaglia da tre ma per Varese c’é Cain a rimbalzo d’attacco a firmare il +2 per l’Openjobmetis. La tripla del sorpasso di Thomas non prende nemmeno il ferro, e i due liberi di Wells chiudono il match.

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com
 

ARTICOLI CORRELATI:

Pianigiani svela il segreto della vittoria su Maccabi
Pianigiani svela il segreto della vittoria su Maccabi
Olimpia Milano abbatte la bestia nera: Maccabi ko
Olimpia Milano abbatte la bestia nera: Maccabi ko
Sacchetti sceglie i 12 per Italia-Ungheria
Sacchetti sceglie i 12 per Italia-Ungheria
MarShon Brooks torna a giocare in Cina
MarShon Brooks torna a giocare in Cina
Basket, così in tv la ventunesima giornata
Basket, così in tv la ventunesima giornata
Sfairopoulos promette battaglia
Sfairopoulos promette battaglia
Per Udanoh futuro da decifrare
Per Udanoh futuro da decifrare
A Reggio Dixon traccia la via
A Reggio Dixon traccia la via
Sacchetti e il retroscena della firma
Sacchetti e il retroscena della firma
 
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica