Tre club in crisi, l'Associazione Giocatori interviene

"Non è possibile arrivare a Natale avendo pendenze riferite alla stagione precedente" si legge in una lunga nota.

basket

Dalla GIBA, l'Associazione Giocatori Italiani di basket, arriva un monito.

"In questi giorni, i mass media sportivi stanno seguendo con attenzione le situazioni di tre importanti squadre: Cantù e Avellino in Serie A e Siena in Serie A2 - si legge nella nota diramata giovedì -. Le condizioni dei sodalizi cestistici appaiono, purtroppo, preoccupanti. Si parla di mancati versamenti, lodi esecutivi, utenze staccate e, anche se le tre situazioni sono diverse, l’immagine che ne deriva della pallacanestro italiana non è certo buona né incoraggiante, verso auspicabili nuovi sponsor o imprenditori decisi magari a investire nel settore. Purtroppo, come sempre, oltre al danno d’immagine per il movimento in generale c’è un primo, concreto e pesante danno che va a colpire i lavoratori del basket e cioè i giocatori e gli staff tecnici che compongono le squadre e senza i quali il gioco non esisterebbe. Essi, infatti, vedono venir meno i basilari diritti che formano un rapporto di lavoro, come quelli a essere retribuiti e a svolgere il proprio lavoro in una situazione e in un ambiente sereni".

"Di fronte a questi fortissimi campanelli d’allarme, l’Associazione Giocatori ritiene di dover continuare a richiamare tutti gli attori al rispetto delle regole, per il bene della pallacanestro italiana e il suo futuro - si legge ancora -. I presidenti delle leghe di A e A2, Bianchi e Basciano, hanno intrapreso un percorso virtuoso, ma evidentemente esso non basta. La Federazione Italiana Pallacanestro e la Comtec, che stanno lavorando per controlli sempre più stringenti, devono ulteriormente vigilare affinché nessuno possa più aggirare le regole. Occorrono più severità, fidejussioni più alte e controlli più serrati, fin dall’inizio della stagione sportiva. E se le regole attuali non funzionano, si cambino le regole per il bene della pallacanestro. La GIBA chiede serietà a tutti coloro i quali possiedono e gestiscono squadre di basket e alle istituzioni sportive che le controllano, potendo garantire da parte dei propri associati sempre la massima professionalità. Serietà, perché non è possibile arrivare a Natale avendo pendenze riferite alla stagione precedente. I giocatori associati dichiarano la propria vicinanza di colleghi ai giocatori tesserati nelle società che oggi vengono descritte come a rischio, pronti – se necessario – a scendere al loro fianco per tutelare il bene comune del lavoro".


ARTICOLI CORRELATI:

Anche George King nel gruppo di Brienza
Anche George King nel gruppo di Brienza
Su Jon Elmore irrompe Trieste
Su Jon Elmore irrompe Trieste
Dyshawn Pierre resta a Sassari
Dyshawn Pierre resta a Sassari
Varese, ecco Tepic
Varese, ecco Tepic
Coldebella elenca i meriti di Djordjevic
Coldebella elenca i meriti di Djordjevic
Tyler Larson può tornare in Italia
Tyler Larson può tornare in Italia
Varese, si complica la pista Cotton
Varese, si complica la pista Cotton
La Reyer chiarisce su Nedovic
La Reyer chiarisce su Nedovic
Drew Crawford ha fatto la sua scelta
Drew Crawford ha fatto la sua scelta
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman