Simone Pianigiani è incredulo

"Commessi errori che spero irripetibili" tuona il coach toscano dell'Olimpia dopo la sconfitta contro Venezia.

pianigiani

“Credo che sia stata una partita più che particolare, figlia del momento”.

Esordisce così in sala stampa Simone Pianigiani, dopo la sorprendente sconfitta in campionato contro Venezia, la prima in casa in Serie A: “Più volte vinta e più volte buttata via, la squadra doveva gestire le energie e ha fatto un inizio eccellente, ma dovevamo tenere sicuramente di più”. 

“Come tante volte quest’anno abbiamo avuto il desiderio di vincerla e quando sei +9 in casa negli ultimi minuti devi chiuderla” continua Pianigiani, commentando il finale “Ma abbiamo fatto una serie di errori che penso, e spero, siano irripetibili. Non ho chiamato nemmeno timeout perché in quei momenti lì non vogliamo fare organizzare la difesa e ho messo giocatori più abili ai liberi a cui dovevamo fare arrivare il pallone. Peccato, perché la partita era già vinta e potevamo permetterci una maggiore tranquillità in campionato prima dei playoff”.

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com
 

ARTICOLI CORRELATI:

L'Italia stende anche la Bielorussia
L'Italia stende anche la Bielorussia
Brindisi bussa alla porta della Virtus
Brindisi bussa alla porta della Virtus
I playoff di Campana:
I playoff di Campana: "Non solo Daye"
Pozzecco ora chiede serenità
Pozzecco ora chiede serenità
De Raffaele ora guarda solo in avanti
De Raffaele ora guarda solo in avanti
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
Buscaglia traccia la via a Reggio Emilia
Buscaglia traccia la via a Reggio Emilia
 
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018