Pozzecco non ha rimpianti

Il coach di Sassari commenta con serenità la sconfitta nella semifinale di Coppa Italia contro Brindisi.

basket

Più orgoglio che rimpianti. Questo il sunto del Pozzecco-pensiero al termine della semifinale di Coppa Italia che la sua Dinamo Sassari ha perso per un punto contro Brindisi, che si giocherà il trofeo con Cremona.

Ce ne sarebbe abbastanza per recriminare, ma il coach subentrato a Vincenzo Esposito ha solo elogi per i propri ragazzi: “Non dico che meritavamo la vittoria perché Brindisi è stata avanti tutta la partita. Però sarei stato contento per i ragazzi, lo staff e per la Sardegna – le parole del 'Poz' riportate da 'Sportface' – Mi piace vedere una squadra che gioca con voglia di vincere, per me è fondamentale”.

"Sono orgoglioso dei miei ragazzi - ha aggiunto - Abbiamo giocato una partita con una ferocia che non vedevo da tempo eseguendo tutto quello che volevamo fare, abbiamo attaccato l’area con continuità e abbiamo sbagliato almeno dieci tiri per un nulla. Sono estremamente contento della prestazione, ma dispiaciuto di non aver segnato un canestro in più”.
 

ARTICOLI CORRELATI:

Terribile lutto per Luigi Dordei
Terribile lutto per Luigi Dordei
L'Italia stende anche la Bielorussia
L'Italia stende anche la Bielorussia
Brindisi bussa alla porta della Virtus
Brindisi bussa alla porta della Virtus
I playoff di Campana:
I playoff di Campana: "Non solo Daye"
Pozzecco ora chiede serenità
Pozzecco ora chiede serenità
De Raffaele ora guarda solo in avanti
De Raffaele ora guarda solo in avanti
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
 
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018