Milano stende Pesaro e torna in vetta

Successo sofferto (78-64), ma fondamentale, per la squadra di Pianigiani.

Pianigiani

Non un Picasso, ma due punti comunque importanti che valgono il ritorno in vetta alla classifica. L’Olimpia Milano controlla il primo tempo, si fa riprendere e superare, poi nel quarto periodo ferma l’attacco della Vuelle Pesaro, con la difesa, e vince (78-64), approfittando così dello stop di Brescia con Cremona. Dopo una partita con tanti errori per il playmaker, c’è un Theodore decisivo nel quarto periodo, così come i canestri di Jerrells per mettere in ghiaccio il match, con il parziale di 22-9 nei primi 7 minuti del quarto conclusivo. Risposte interessanti anche da M’Baye, dopo le voci dei giorni scorsi, decisiva la difesa di squadra su Moore, mentre altra giornata negativa per Goudelock. Dall’altra parte bene Mika e Omogbo. 

Oltre all’assenza di Jefferson, ormai prossimo all’addio con l’arrivo di Kuzminskas, non ci sono nemmeno Gudaitis (febbre) e Bertans (risentimento muscolare), ma i biancorossi partono con le marce alte e prendono il controllo del match, grazie soprattutto all’ottimo impatto di M’Baye. La squadra di Pianigiani mantiene un vantaggio di circa 8 punti per tutta la prima frazione, nonostante i problemi di falli di Cusin (3) e Tarczewski (2) e qualche sofferenza contro Mika. La tripla di un buon Abass vale il +11 (21-32 al 16’) e sembra dare lo slancio per un break deciso, ma Theodore commette qualche errore di troppo e Pesaro ne approfitta per restare agganciata. 

Due schiacciate di Tarczewski aprono la ripresa e riportano Milano a +10, ma la luce si spegne ed i padroni di casa ne approfittano: Omogbo fa la differenza, poi Moore pareggia a quota 45, mentre Goudelock continua a sparare a salve e l’attacco dell’EA7 non costruisce nulla. C’è anche il sorpasso interno (48-47 al 27’), con il libero di Monaldi, prima di un paio di giocate della coppia Theodore-Jerrells, fino a quel momento in difficoltà, per riportare i biancorossi davanti. L’Olimpia cresce in difesa e tiene a zero punti gli avversari per quattro minuti in avvio di ultimo quarto e la coppia già citata riporta l’EA7 a +8. A chiuderla ci pensa CJ55 e Milano torna in vetta.

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

Sacripanti elenca i punti di forza di Trieste
Sacripanti elenca i punti di forza di Trieste
Cagnardi ha la ricetta per battere Sassari
Cagnardi ha la ricetta per battere Sassari
Frank Vitucci è benemerito
Frank Vitucci è benemerito
Fabrizio Frates rimane senza panchina
Fabrizio Frates rimane senza panchina
Cantù con rispetto verso Avellino
Cantù con rispetto verso Avellino
Esposito esalta Sardara
Esposito esalta Sardara
Eric Griffin al secondo taglio in un mese
Eric Griffin al secondo taglio in un mese
Il basket che non piace: multe per 5 in serie A2
Il basket che non piace: multe per 5 in serie A2
Sardara descrive la vittoria più bella
Sardara descrive la vittoria più bella
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi