L'Olimpia cade e perde Gentile

Una domenica da dimenticare per l’Olimpia Milano. I biancorossi crollano nel quarto periodo e vengono battuti dalla Betaland Capo d’Orlando (78-71), così Reggio Emilia si riavvicina a due punti in classifica. Avanti di 10, l’EA7 si ferma, forza solo dall'arco e prende un clamoroso parziale di 20-3 per chiudere il match, uscendo battuta dal PalaFantozzi per il secondo anno consecutivo. La notizia più brutta però è l’ennesimo infortunio stagionale, ancora ad Alessandro Gentile: il capitano biancorosso ha riportato la lesione capsulo legamentosa del primo dito della mano destra nel secondo quarto e, dopo gli accertamenti, si conosceranno i tempi di recupero. 
 
Inizio distratto e morbido per Milano e la squadra di casa ne approfitta, per prendere il comando del match, sfruttando anche una banale serie di palle perse di Simon e compagni. La formazione siciliana vola anche a +9 (29-20 al 12’), quando Basile e Boatright trovano il canestro pesante, mentre l’EA7 si aggrappa ad un ottimo Kalnietis e a qualche giocata di Sanders e McLean per restare aggrappata, rientrando anche a -1 (40-39 al 18’) con l’unico lampo di Batista. Mentre si fa male alla mano destra  Gentile, costretto a rientrare negli spogliatoi con il ghiaccio, per non tornare più nel match e seguire il secondo tempo dalla panchina con un'evidente fasciatura.
 
Il play lituano firma il sorpasso per aprire la ripresa, però la Betaland risponde subito con un 5-0 e si riporta avanti, ma si sveglia Simon e l’Olimpia torna in parità, prima del vantaggio con rubata e schiacciata in contropiede di McLean (52-54 al 27’). La squadra di Repesa alza il livello difensivo, con la grande pressione di Cerella, ed il parziale si allunga, arrivando fino a 18-4, per il massimo distacco in chiusura di terzo periodo (54-62 al 29’). Jenkins e Sanders firmano la doppia cifra di vantaggio e sembrano mettere la gara in discesa, ma l’EA7 si ferma, tira solo da tre e prende un clamoroso parziale di 17-0, con Jasaitis e Boatright protagonisti, con cui i padroni di casa passano da -10 a +7 (75-68 a 2’ dalla fine). Finisce qua, perché gli ultimi tiri biancorossi si spengono sul ferro ed è grande festa per l'Orlandina. 
 
In collaborazione con basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

Gentile resta in attesa dopo la fumata nera
Gentile resta in attesa dopo la fumata nera
Sergio Rodriguez prende per mano l'Olimpia Milano
Sergio Rodriguez prende per mano l'Olimpia Milano
La Fortitudo riporta in Italia Deshawn Stephens
La Fortitudo riporta in Italia Deshawn Stephens
Manuchar  Markoishvili si è arreso
Manuchar Markoishvili si è arreso
Ettore Messina e il parallelo Olimpia-Virtus
Ettore Messina e il parallelo Olimpia-Virtus
Luca Baraldi è già in clima derby
Luca Baraldi è già in clima derby
Marco Ceron adesso promette battaglia
Marco Ceron adesso promette battaglia
Brindisi pronta per l'esodo a Bari
Brindisi pronta per l'esodo a Bari
Virtus, spunta una nuova pista italiana
Virtus, spunta una nuova pista italiana
 
Grid Girls: Paula Gomez Ruiz e Irina Morales Urbano
Grid Girls: Alice Brivio
Grid Girls:  Camilla Bello' e Alessia Puccia
Grid Girls: Giulia Zanellato
Grid Girls: Lara Arluni e Neneh Riemeijer
Grid Girls: Jennifer Ciancio e Lucia Cossu
Grid Girls: Valeria Paniconi
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina