Frank Vitucci è felice e onorato

Il coach di Brindisi commenta la vittoria contro la Virtus Bologna: "Una vera impresa in una città competente di basket".

vitucci

Brindisi resta da solo al quarto posto grazie alla vittoria sulla Virtus Bologna, che dice di fatto addio ai playoff.

Palpabile la gioia di coach Vitucci al termine della gara: “Sono molto soddisfatto. La partita di oggi era difficile contro una squadra che veniva da una sconfitta in campionato. Sembrava già una partita di playoff o di Coppa, molto fisica. Peccato per il primo quarto, abbiamo perso sette palloni, poi abbiamo preso il controllo dimostrando grande forza mentale. Tenere una squadra come la Virtus a 61 punti è il segnale che i ragazzi hanno giocato ogni pallone come se fosse l’ultimo”.

Il tecnico veneziano ringrazia poi i tifosi della Virtus per gli applausi ricevuti: “Sono orgoglioso di questo gruppo di ragazzi. Ringrazio i tifosi di Bologna che ci hanno applaudito: questo ci ha inorgoglito, non è una cosa usuale, ma questa è una città competente”.
 

ARTICOLI CORRELATI:

Brindisi bussa alla porta della Virtus
Brindisi bussa alla porta della Virtus
I playoff di Campana:
I playoff di Campana: "Non solo Daye"
Pozzecco ora chiede serenità
Pozzecco ora chiede serenità
De Raffaele ora guarda solo in avanti
De Raffaele ora guarda solo in avanti
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Venezia spietata: vince a Sassari e vola sul 2-1
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
Fip-Virtus, ci sono ripercussioni
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
La Vuelle Pesaro riparte da Perego
Buscaglia traccia la via a Reggio Emilia
Buscaglia traccia la via a Reggio Emilia
Cantù, tocca a Cesare Pancotto
Cantù, tocca a Cesare Pancotto
 
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018