Flavio Portaluppi e il pericolo Cantù

"E' una squadra di grande talento, senza contare che sarà un derby. Con Goudelock tutto ok" osserva il gm dell'Olimpia Milano.

portaluppi

Il general manager dell’Olimpia Milano, Flavio Portaluppi, ha parlato con Sportal.it dei playoff che stanno per cominciare.

Chiudete la stagione regolare al secondo posto. Deludente sotto un certo punto di vista anche se il vostro allenatore in conferenza ha dichiarato essere importante il giusto.

“Il DNA di questa squadra ci impone sempre di puntare all’eccellenza, che nello sport vuol dire arrivare sempre primo. Non si può sempre farlo, per demeriti tuoi e per meriti altrui e in questa stagione Venezia ha avuto molti meriti. Soprattutto quello di essere riuscita a gestire al meglio il doppio impegno Champions/Europe Cup”.

Quindi cambia qualcosa nella griglia di partenza?

“Sono d’accordo col coach nel dire che il posizionamento alla fine cambia poco. Allargando gli orizzonti, oltre a Milano-Cantù, non vedo un quarto di finale semplice o scontato. Una valeva l’altra davvero”.

Trovate subito il derby ai quarti di finale, come valutate la serie?

“Una squadra pericolosa che gioca una pallacanestro dinamica, di corsa, che riesce a mettere a referto tanti punti in poco tempo. Questo la rende capaci di creare un break o tornare da esso con grande facilità. Senza contare la componente emotiva di essere un derby. Una squadra di gran talento, con giocatori nelle posizioni di 4 e 5 in grado di aprire il campo ed andare forti a rimbalzo. Offensivamente parlando una delle squadre più pericolose del campionato italiano”.

Milano però squadra che, offensivamente parlando, non è seconda a nessuno.

“In attacco, sperando di non essere mentito dai playoff, abbiamo dimostrato in ogni competizione di non avere problemi. Forse un attimo di più in difesa, perché nessuno dei nostri giocatori è un arcigno difensore. Soprattutto contro Cantù la gestione dei possessi e l’attenzione alla transizione difensiva, ci potranno concedere quei possessi in più che potranno dare qualche problema in meno”.

Parlando di problemi in casa avete avuto il caso Goudelock con un duro sfogo su Twitter.

“Lo sfogo c’è stato ma lo abbiamo risolto internamente. Per quanto riguarda il problema se ogni sfogo portasse a due prestazioni da più di 20 punti mi auguro di averne ancora un po’ (ride ndr)”.



ARTICOLI CORRELATI:

Sacchetti spiega i segreti del successo
Sacchetti spiega i segreti del successo
Vitucci dice grazie ai tifosi
Vitucci dice grazie ai tifosi
Coppa Italia, trionfo di Cremona
Coppa Italia, trionfo di Cremona
Meo Sacchetti crea il dibattito tra i brindisini
Meo Sacchetti crea il dibattito tra i brindisini
Frank Vitucci non si accontenta
Frank Vitucci non si accontenta
Pozzecco non ha rimpianti
Pozzecco non ha rimpianti
Brindisi stoppa Pozzecco: è finale
Brindisi stoppa Pozzecco: è finale
Stefano Sacripanti non recrimina
Stefano Sacripanti non recrimina
Cremona nella storia, resa Virtus
Cremona nella storia, resa Virtus
 
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica