Coppa Italia, trionfo di Cremona

La squadra di Sacchetti domina Brindisi e iscrive il proprio nome per la prima volta nell'albo d'oro della manifestazione.

cremona, brindisi

È la Vanoli Cremona la vincitrice della Coppa Italia 2019: la squadra di Meo Sacchetti corona un fine settimana da sogno, battendo nettamente anche l’Happy Casa Brindisi per 83-74 dopo aver regolato Varese e Bologna nei turni precedenti. Per il ct della Nazionale si tratta della terza coppa: raggiunto Simone Pianigiani, il nativo di Altamura è il primo allenatore dopo Ettore Messina a vincere le Final Eight di Coppa Italia alla guida di due squadre diverse.

Loading...

Il trionfo della Vanoli arriva al termine di una finale controllata abbastanza nettamente: Brindisi ha provato a lottare, sorretta prima da John Brown (13 dei suoi 21 punti arrivano nel primo tempo) e poi da Tony Gaffney (19, di cui 15 nel secondo tempo), ma le maggiori capacità di Cremona escono fuori alla lunga, con la squadra sempre capace di trovare il canestro giusto al momento giusto. Sugli scudi ci sono Crawford (18 con 8 rimbalzi e 5 falli subiti) e Saunders (18, di cui 9 nel primo quarto), ma è determinante anche l’apporto di Michele Ruzzier: tre triple fondamentali in tre momenti determinanti della partita.

Finale che stenta a decollare nel primo quarto, con Cremona che prova un primo strappo con due triple di un ispirato Diener, ma Brindisi è subito rapida a rispondere: Brown e Moraschini firmano il primo vantaggio pugliese. A quel punto sale in cattedra Andrew Crawford: i suoi 9 punti nel primo quarto sono fondamentali per fare andare la Vanoli sopra di 5 alla prima pausa (23-18). Brown continua a fare pentole e coperchi in avvio di secondo quarto, riportando sul pari Brindisi, ma Cremona scappa via con le triple di Saunders, Ruzzier e Crawford: +10 al 17’ (37-27). Gaffney prova a tenere in scia i pugliesi, ma all’intervallo è +8 per la Vanoli (45-37).

In avvio di ripresa Brindisi prova a riportarsi sotto con Brown, che firma il -6 (47-41), ma è un parziale solo illusorio: Cremona trova la quadra giusta in difesa, e i canestri importanti di Ruzzier e Ricci valgono il massimo vantaggio sul +12 (60-48), vantaggio ridotto di una sola unità all’ultima pausa (+11 al 30’). I due italiani sono poi provvidenziali nel rispondere colpo su colpo ai tentativi di rimonta firmati innanzitutto da Gaffney, l’ultimo a mollare dei suoi. La tripla del +15 di Ruzzier, soprattutto, è quella che decide e chiude il match, regalando il primo storico titolo a una squadra che non più tardi di 20 mesi fa subiva l’onta della retrocessione in Serie A2: a nulla serve il tardivo tentativo di rimonta dei pugliesi propiziato dalle triple di Walker e dal cuore del solito Gaffney.

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

Abass prende tempo sul futuro
Abass prende tempo sul futuro
Dalmasson sente profumo di playoff
Dalmasson sente profumo di playoff
Gioia Virtus Roma: è serie A matematica
Gioia Virtus Roma: è serie A matematica
Simone Pianigiani giustifica l'Olimpia
Simone Pianigiani giustifica l'Olimpia
Milano stecca, il derby è di Brescia
Milano stecca, il derby è di Brescia
Sassari implacabile, cade la Auxilium
Sassari implacabile, cade la Auxilium
Pillastrini sa che la Virtus non può perdere
Pillastrini sa che la Virtus non può perdere
L'Alma Trieste rifiuta la Marsigliese
L'Alma Trieste rifiuta la Marsigliese
Dalmasson a testa alta contro Venezia
Dalmasson a testa alta contro Venezia
 
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer