Volley: bis iridato della Polonia

Gli uomini di Vital Heynen a Torino si sono imposti in finale sul Brasile.

polonia

Finisce come quattro anni fa: la Polonia concede il bis vincendo ancora i Mondiali maschili di Pallavolo. Al Pala Alpitour di Torino, gli uomini di Vital Heynen si sono imposti per 3-0 sul Brasile (28-26; 25-20; 25-23) mettendo in bacheca il terzo titolo iridato della loro storia (il primo risale al 1974). Kurek migliore in campo con 24 punti personali, top scorer assoluto della Polonia e della finale.

Il primo set comincia con la sfida a colpi di schiacciate fra Kurek e Wallace, i quali tengono le squadre vicinissime nel punteggio sino al break creato dal contrattacco di Szalpuk: con la Polonia che sale 14-11. I polacchi entrano in fiducia: Kubiak si dimostra pronto a salire in cattedra. Sul 20-16 sembra che il parziale possa andare in archivio, ma il Brasile ha un sussulto e con due ace consecutivi di Lipe si riavvicina per il 21-20. Si arriva quindi in volata: i muri di Bieniek da una parte e Lucas dall'altra tengono incollate le contendenti. Poi Evandro pareggia per i verdeoro a quota 23. E' il preludio ad un set che si conclude ai vantaggi. L'equilibrio persiste per qualche scambio, ma a spezzarlo ci pensa Kurek che intercetta la botta di Wallace e mette a referto il 28-26 che vale l'1-0 per la Polonia.

La seconda “ripresa” vive un po' sul canovaccio dell'inizio match: i campioni in carica cercano di mettere subito del gap fra loro e gli avversari, ma i brasiliani fanno capire di voler rimanere a contatto. In corrispondenza del secondo timeout tecnico, i polacchi sono avanti per 16-13 grazie ai primi tempi di Nowakowski e al tocco intelligente di Kubiac che passa fra le mani larghe del muro carioca. Il team allenato da Dal Zotto fatica a trovare contromisure per arginare i rivali. Kurek allora si carica i suoi sulle spalle: con una battuta vincente e la finalizzazione di un contrattacco piuttosto articolato spiana la strada al 2-0, che si materializza quando Kubiak sfrutta un mani-out per fare 25-20.  

La compagine in maglia biancorossa cavalca l'onda e in completa trance agonistica inaugura il terzo parziale. Il muro di Kochanowski su Wallace per il 5-2, sa già di colpo del ko. Il Brasile va in bambola e inizia a sbagliare anche le cose più elementari, mentre i polacchi scappano veloci addirittura sull'8-3. Kubiak e soci sono dei rulli compressori inanellando un punto dopo l'altro, i fondamentali poi – in particolare la ricezione – sono perfetti. L'errore millimetrico di Wallace, scovato dal Challenge, manda gli uomini di Heynen sul 15-8. All'improvviso però, i sudamericani tirano fuori le ultime scorte di energie nervose. Abbozzano un ultimo tentativo disperato di rientro, che non trova riscontro positivo: Kurek infatti si fa trovare nuovamente pronto appoggiando in maniera vellutata sul taraflex verdeoro il punto del 14-19. E' il momento che posiziona la Polonia sul rettilineo finale della gara. Sembra tutto fatto, ma Evandro non è d'accordo. Quasi dal nulla, il Brasile si ritrova sotto soltanto 21-22. Succede tutto il contrario di tutto. L'unica cosa sicura è il braccio armato di Kurek che nella confusione si erge ancora una volta ad MVP della sfida griffando il punto del 25-23, che certifica il 3-0 della Polonia.

La medaglia di bronzo del torneo iridato è andata invece agli Stati Uniti, che nella finale valevole per il terzo posto sono riusciti a rimontare la Serbia vincendo 3-1 (23-25; 25-17; 32-30;  25-20). 

TI POTREBBE INTERESSARE:

L'Italia ai piedi di Paola Egonu
L'Italia ai piedi di Paola Egonu
Mazzanti:
Mazzanti: "Il sogno non si è ancora realizzato"
Adigemarathon 2018, svelato il programma
Adigemarathon 2018, svelato il programma
Cuore Italia, ora la finale
Cuore Italia, ora la finale
La Malinov punta sulla Egonu
La Malinov punta sulla Egonu
Mayweather, match da 200 milioni
Mayweather, match da 200 milioni
Sportal.it ritorna agli anni Ottanta
Sportal.it ritorna agli anni Ottanta
Morte in campo: addio ad André Campos
Morte in campo: addio ad André Campos
Italia, la prima sconfitta è indolore
Italia, la prima sconfitta è indolore
 
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi
Allyson Joy
Chiara Biasi
Francesca Sofia Novello
Sofya Zhuk
Karolina Bojar
Celeste Bright