Civitanova riparte e scappa

La Lube soffre con Padova (3-2) ma arriva la nona di fila in SuperLega.

Christenson

La Cucine Lube Civitanova fatica ben oltre il prevedibile ma riesce comunque a rialzare la testa dopo la sconfitta europea di mercoledì scorso a Perugia infilando la vittoria consecutiva numero nove in SuperLega UnipolSai, arrivata al tie break (25-21, 26-28, 25-21, 26-28, 16-14) davanti al pubblico dell’Eurosuole Forum di Civitanova Marche nell’anticipo della 11ª giornata di andata, giocato contro la Kioene Padova.

La partita

I Campioni d’Italia, attualmente in testa alla classifica con 4 punti di vantaggio sulla seconda, ma con due partite giocate in più, lasciano a riposo per la prima volta in stagione Osmany Juantorena presentandosi in campo con l’inedita coppia di schiacciatori Kovar-Sander, e si aggiudicano il primo set scappando in maniera decisiva (19-16) con un ace di Sander e il successivo muro di Sokolov sull’ex Randazzo (5 punti anche per il bulgaro, che chiude il periodo col 60% in attacco). In precedenza, i biancorossi erano stati riacciuffati per ben due volte dai veneti, che sul tabellino registrano il 100% di efficacia in attacco nelle caselle di Polo e Cirovic. Finisce 25-21 dopo un mani out firmato da Sander: per lui ottimo 67% in ricezione su 9 palloni giocati, e 57% di efficacia sulle schiacciate, con 5 punti totali nel parziale. 

Il secondo parziale si gioca invece punto a punto fino ai vantaggi, e stavolta è la Kioene (che attacca addirittura col 76% di squadra contro il 62% della Lube) a trovare la giocata decisiva, al quarto set-point: merito della battuta float di Volpato, che manda in tilt la ricezione di casa consentendo a Polo di mettere comodamente a terra il pallone del 28-26, che porta la situazione set sull1-1. Sulla sponda veneta spiccano i 7 punti di Nelli (75%) ed il 100% di Randazzo (4 punti), nella metà campo di casa brilla invece soprattutto Kovar, che registra invece 5 punti (80%) e anche un ottimo 75% in ricezione (col 75% di perfette) su 8 palloni giocati.

Continua a giocare su questi livelli la Cucine Lube Civitanova (65% in attacco contro il 50% di Padova), che al rientro in campo nel terzo set, in aggiunta a quanto fatto in precedenza, mette sul piatto della partita anche un ottimo servizio (3 vincenti). Troppo per Padova. Che riceve con un misero 25% di positività, e lascia scappare sul 21-17 i marchigiani, spinti dagli ace di Candellaro (17-13) e Sander (21-17), ma anche dalle difese di Grebennikov, che nel momento più caldo consente a Christenson di rigiocare dei palloni che risulteranno decisivi per la fuga. Chiuderà Candellaro sul 25-21.

La Kioene non demorde, conquistandosi un break di 3 lunghezze in apertura di quarto parziale (7-4), nel quale dopo pochi scambi deve mandare in campo il serbo Koprivica al posto di Randazzo (problema muscolare?). I campioni d’Italia pareggiano prima a quota 11, poi sul 18-18 dopo che Padova, con un mani out di Nelli, aveva guadagnato un nuovo +3. Medei inserisce Juantorena per Kovar dopo il nuovo break veneto firmato da Cirovic (18-20), autore anche del successivo muro vincente che porta la Kioene sul 23-20. Il tie break sembra cosa fatta sul 20-24, ma la Lube annulla addirittura quattro palle set agli avversari, riaprendo di colpo la possibilità di portare a casa i tre punti. Poi vanifica tutto incartandosi sulla quinta palla-set della Kioene, consegnandole in maniera gratuita il 24-26 dopo un’azione di difesa.

Nel tie break, la Lube tiene testa ai padovani trovando punti fondamentali anche da due video check millimetrici, e spalle al muro sul 13-14 annulla il match point agli avversari, per poi chiudere 16-14 a proprio favore con un ace di Juantorena.

Da stasera il mirino della formazione di Medei si sposta totalmente sul Mondiale per Club, che li vedrà impegnati a partire da martedì prossimo in Polonia (domani la partenza per Opole), con tutte le partite trasmesse in diretta su Fox Sports. 

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 26, Candellaro 9, Sander 19, Marchisio n.e., Juantorena 5, Casadei n.e., Stankovic n.e., Kovar 13, Grebennikov (L), Christenson 4, Cester 11, Milan n.e., Zhukouski. All. Medei.

KIOENE PADOVA: Polo 14, Nelli 23, Peslac n.e., Gozzo n.e., Balaso (L), Cirovic 16, Sperandio n.e., Volpato 10, Premovic, Travica, Koprivica 2, Randazzo 13. All. Baldovin.

ARBITRI: VAGNI (PG) – SANTI (PG).

PARZIALI: 25-21 (25’), 26-28 (27’), 25-21 (29’), 24-26 (30’), 16-14 (19’).

NOTE: Spettatori 2311, incasso 23646 Euro. Lube bs 23, ace 11, muri 12, ricezione 60% (43% prf), attacco 51%, errori 6. Kioene bs 21, ace 4, muri 11, ricezione 41% (17% prf), attacco 52%, errori 7.


ARTICOLI CORRELATI:

Adigemarathon 2019, c'è la data
Adigemarathon 2019, c'è la data
Bolzano capitale mondiale del World Rookie
Bolzano capitale mondiale del World Rookie
Mondiali, il team USA perde anche Lowry
Mondiali, il team USA perde anche Lowry
Volley, anche gli uomini a Tokyo 2020
Volley, anche gli uomini a Tokyo 2020
NBA, i veterani Carter e Haslem non si arrendono
NBA, i veterani Carter e Haslem non si arrendono
Canoa, i migliori d'Italia a Revine Lago
Canoa, i migliori d'Italia a Revine Lago
L'Italvolley femminile a Tokyo 2020
L'Italvolley femminile a Tokyo 2020
Inossidabile Armin Helfer: non molla
Inossidabile Armin Helfer: non molla
NBA, Davis vuole l'anello con i LA Lakers
NBA, Davis vuole l'anello con i LA Lakers
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman